I Nostri Sponsor

Dolo Dolphins – Team 78 Martellago : 121 – 43

La legge del Galilei

Articolo 1: Dolo è una città fondata sul basket.

Articolo 2 : rispetta sempre gli arbitri, gli avversari ed il pubblico, ma se ti risulteranno simpatici come una mosca che cade nella tua unica bibita ghiacciata, quando fuori ci sono 40 gradi….beh! allora usa la testa e non la forza.

Articolo 3: impegnati sempre al massimo, perché altrimenti farai un paio di allenamenti con un nostro dirigente a digiuno da 3 giorni.

Articolo 4: gioca, divertiti e se possibile…vinci.

Perfettamente consci di quanto sopra e particolarmente attenti a non subire le drastiche conseguenze dell’art. 3, i nostri ragazzi sono scesi sul parquet di casa, per affrontare i ragazzi del Martellago, ultimi in classifica, ma non per questo meritevoli di eventuali deconcentrazioni e cali di forma, sempre pericolosi e non adatti ad una “prima in classifica”.

Onde evitare equivoci, Massimo blinda la corazzata, mandando in campo Pietro Scattolin, Francesco, Omar, Nicolò e Giovanni; il nostro inizio di partita creerebbe ammirazione anche in Houston McTear, sprinter americano famoso negli anni 70 per le sue incredibili partenze, talmente è dirompente la nostra forza d’urto che fa capire ai malcapitati avversari che oggi non siamo in vena di gentili concessioni ma che rispetto allo sprinter usa sopracitato, la nostra tenuta va oltre i primi “40” metri, facendo ammirare a tutto il pubblico una intensità di gioco ed un ritmo, degno della fantastica progressione che permise al nostro rimpianto Pietro Mennea, di superare sul filo di lana Allan Wells nella finale olimpica dei 200 metri di Mosca 1980.

Ottima la prestazione di Pietro Vescovo, Yari, Nahom, Riccardo, e meritevoli di citazione particolare: Davide Milan, finalmente protagonista sia in fase realizzativa che in fase difensiva, tanti rimbalzi catturati, che ci fa sperare che il ragazzo inizi finalmente a credere nelle sue enormi potenzialità e Marco Baldan che ha debuttato con brillantezza nel nostro gruppo.

Sabato ci attende la difficile trasferta di Mirano, dove ci attendono Enrico, il loro n° 12, e compagni, visti particolarmente in forma dai nostri osservatori, nella loro vincente prestazione contro l’Alvisiana; è l’ultimo banco di prova di una certa difficoltà prima della fase finale e per questo è opportuno arrivare all’appuntamento con la forma migliore, quindi… tutti a Mirano!

A proposito: in base ad una inopinata regola, la famiglia Milan, martedì 21 gennaio invita tutta la cittadinanza ad assaggiare le gustose frittelle fatte con tanto amore dal carissimo Mauro, orgoglioso di festeggiare il canestro che ci ha permesso di superare il punteggio di 99, realizzato dal suo Davide a suggello di una prestazione finalmente consona alle sue capacità; per quanto riguarda le bevande, alle ore 13 è uscito un comunicato che abolisce tale consuetudine, ma solo per la partita odierna: sembra uscito da persona al di fuori della società, facente parte del comitato “zio paperone uno di noi” il cui motto è bere con moderazione, quando devi pagare te; invitiamo quindi tutti i genitori a portare varie bevande, per sopperire a tale infausta manchevolezza e vedrete che ci sarà sempre qualcuno che vi ringrazierà (sicuramente la famiglia Minghetti).

Onde evitare che giovani rampanti legali, amanti di sport minori come il calcio, il nuoto od il podismo, facciano ricorso alla corte costituzionale per dichiarare l’illegittimità della “Legge del Galilei”, facciamo presente che essa non esiste, perché per noi Dolphins ne esiste solo una, composta da un unico articolo: l’importante non è partecipare, ma vincere… e ci divertiamo!

Parziali

  1.  40 –  6
  2.  66 – 16
  3. 101 – 22
  4. 121 – 43

Marcatori

  • Baldan Marco
  • Don Francesco       16
  • Girmay Nahom         7
  • Gobbi Jacopo         2
  • Leo Nicolò          11
  • Milan Davide         8
  • Minghetti Riccardo  12
  • Sabbadin Omar       20
  • Scaggiante Giovanni  4
  • Scattolin Pietro    25
  • Vescovo Pietro       4
  • Zabotto Yari        12

 

Allenatore: Rossi Massimo

Roberto Minghetti